Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy .
Hai accettato l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito
Hotel Ideal
telefono Email PrenotaChiudi

Il miglior prezzo, garantito!

Trekking e vie ferrate

All’Hotel Ideal abbiamo sempre pensato che il trekking nella nostra regione avesse un significato del tutto particolare, assolutamente poetico, spesso illustrato attraverso l’arte di pregevoli personaggi storici.

Scopri di più

Goethe scriveva ai suoi amici: « Con che ardente desiderio vorrei che i miei amici si trovassero un momento qui con me, per poter gioire della vista che mi sta innanzi! Per questa sera, mi sarei già potuto trovare a Verona; ma a pochi passi da me c’era questo maestoso spettacolo della natura, questo delizioso quadro che è il Lago di Garda, ed io non ho voluto rinunciare; così mi trovo splendidamente compensato di avere allungato il cammino. Son partito da Rovereto dopo le cinque, prendendo per una valle laterale, che versa le sue acque ancora nell’Adige. Arrivati alla sommità, si presenta in basso un ciglione scosceso e maestoso, che si valica per poi scendere fino al lago. (Torbole) » Hans Lietzmann, noto pittore, decise addirittura di trasferirsi qui a Torbole (in Piazza c’è la casa in cui visse per molti anni) per scrivere ed illustrare una vera e propria guida di trekking, dove descrive minuziosamente anche le scarpe più idonee a seconda del percorso scelto. Quella stessa guida viene ancora ripresa nelle diverse escursioni proposte nel territorio come, ad esempio, La Fonte Romana, Nago e la grande Marocca, Nago e le rovine del Castel Penede, Il monte Brione, Il monte Baldo, il Monte Creino. Dosso Alto, Dos Casina, Dosso Remit, Malga Zures, il sentiero della Pace… sono tutti percorsi che affascinano chiunque li percorra. E’ fonte di soddisfazione per noi vedere i nostri clienti che partono per un po’ di Trekking e che tornano dopo aver scoperto non solo il territorio geografico ma anche il valore storico di ciò che da noi è accaduto, emozionati davanti alle nostre montagne, davanti al blu intenso del nostro Lago. Per quanto riguarda le Vie Ferrate, non potete tornare a casa senza aver fatto il Monte Colodri e la Cima Capi da cui, nelle giornate di cielo terso è possibile vedere Venezia! Non può mancare nel vostro programma una ascensione nelle Dolomiti e una discesa in corda doppia nella calate di 60 metri dalle più belle pareti che si affacciano sul Lago di Garda!